Gianni Giolo
Home > Scheda bibliografica  > Saggi > Simile alla rosa

Simile alla rosa

L'Aleardi fu grande e magnifico poeta della natura ed insigne evocatore di paesaggi colti nei loro aspetti pi¨ vari e multiformi dai naturalistici a quelli storici e preistorici.

GiÓ il Panzacchi aveva visto nel Veronese "quel sentimento vivo, profondo ed immaginoso della natura" e condannava nel contempo il linguaggio artificioso intriso di languido sentimentalismo, ma il Croce osservava che bisogna "mettere da un canto l'Aleardi lezioso, smorfioso, piagnucoloso per prepararsi a scorgere di sotto a quello, un altro Aleardi sincero e poeta".

Il saggio Ŕ reperibile presso la Biblioteca Bertoliana di Vicenza.

Gianni Giolo